Che tristezza quando i partiti politici o chi per essi, decidono chi sono gli artisti che rappresentano la "vera" cultura. Ancora più triste è vedere coloro che li ascoltano raggiungere in massa l'abbeveratoio.

lunedì 8 ottobre 2012

Svolta rock-punk-metallara

Dall'inizio di quest'estate ho cominciato ad appassionarmi a dei gruppi con sonorità e testi più "duri" di quelli a cui ero abituata. Non ho abbandonato i miei buoni vecchi gusti, ma semplicemente li ho integrati con altro di ancor più particolare.
Non posso dire di essere un'esperta, in fondo conosco qualche gruppo moderno, e forse mi mancano proprio le basi. Ma sono fiera di affermare di conoscere e apprezzare gruppi "Woaah" come System Of A Down, Avenged Sevenfold, Skillet, Three Days Grace, Bullet For My Valentine. Sul punk sono mano informata, ma non trovo male Rancid, Clash e Sex Pistols. Non avrei mai pensato che un giorno mi sarebbero piaciuti gruppi del genere, perchè alcuni di loro non sono quel che si dice musica "commerciale" o "facile". Ci vuole un certo impegno per ascoltarli.
E per loro tanto coraggio.
Ad esempio i SOAD sopra citati, hanno una parte anche nel mondo del sociale e della giustizia. Nei loro testi si possono cogliere riferimenti critici alla società d'oggi, infatti hanno inciso canzoni come "BOOM!" o "Stealing Society". Mi piacciono moltissimo, sono capaci di creare album con canzoni completamente diverse tra loro, ma che trovano un'armonia bellissima.

Sto anche diventando una piccola collezionatrice di magliette di gruppi musicali.
Vi aggiornerò con altri post :)

Nessun commento:

Posta un commento